Anche i VIP sono vittime di bullismo

Anche i VIP sono vittime di bullismo

Bullismo e volti noti

Il bullismo è un malcostume sintomo di una società incivile, almeno in parte, e incapace di educare correttamente i cittadini.
Non solo casi isolati di lontani qualtieri malfamati di una qualche peliferia, le agenzie investigative ci informan che le indagini contro il bullismo, anche in Pugia, riguardano soprattutto bravi ragazzi in aree urbane non particolarmente a rischio.

Neppure i VIP sono immuni dal fenomeno e, molti di loro, anno raccontaato di aver subito veri e propri traumi a causa dei bulli, o per meglio dire: dei delinguenti perdigiorno.

Miriam Leone, (attrice, conduttrice televisiva ed ex modella italiana, vincitrice della 69ª edizione del concorso di bellezza Miss Italia) ha rivelato durante un’intervista rilasciata al Corriere della Sera, di essere stata vittima di bullismo durante gli anni del Liceo.
In particolare i bulli l'avrebbero presa di mirra pper via delle sue folte soraccigliia, etichettandola in modi disdicevoli.

Miriam Leone non è certo l'unico VIP ad aver ammesso di aver avuto a che fare con i bulli, Tom Cruise e Lady Gaga hanno recntemente affermato che anche loro hanno vissuto spiacevoli mommenti a causa del bullismo.
“Alcuni ragazzi mi prendevano e buttavano nel cassonetto dell’immondizia. Mi dicevano che quello era il posto a cui appartenevo e che io ero spazzatura”, questa è la scioccante dichiarazione rilasciata da Laddy Gaga durante un’intervista sul Guardian.

Combattere il bullismo

Del resto l'investigatore privato sa bene che tale fenomeno, in costante cescita, può colpire chiunque indipendentemente da ceto sociale, livello culturale, area geografica ecc., per questo le agenzie investigative si sono fatte promotrici di servizi atti ad individuare, provare e smascherare tali illeciti.
Smascherare il bullismo non è semplice, spesso i ragazzi tendono a nascondere gli episodi e le angherie per paura di essere giudicati, o anche per timore di peggiorare la loro situazione. L'investigatore privato gioca un ruolo fondamentale nella raccolta di prove che possano facilitare le famiglie, o le stesse vittime, a denunciare i bulli e ad ottenere giustizia.

Il termine “bullismo” deriva dall'inglese “bullying” ed indica il fenomeno della prepotenza tra coetanei o quasi coetanei in un contesto di gruppo (branco). Inizialme il fenomeno era percepito come qualcosa di legato strettamente all'ambito scolastico (bullismo a scuola), in realtà è una piaga sociale molto diffusa al di fuori del contesto famigliare, non solo scuole ma anche luoghi pubblici come strade, piazze, giardini ecc..
per questo motivo le indagini di contrasto al bullismo si intrecciano con quelle per il controllo dei minori, indispensabili al fine di seguire il minore nel suo ambiente, mimetizzandosi in esso grazie ad investigatori giovani e formati per assolvere a questo delicato scopo..